Un Gesto d’Affetto

Le verdi foglie fruscian con il vento,
zittiscono inquietudi e frenesia,
sovente di dolor anestesia,
che non guardiamo mai, se non a stento.

E vedi spoglie, lascian te un po’ spento,
svaniscon gioventudi, che eresia!
Assenti i grandi amor, per amnesia,
ché non ci amiamo, sai, solo l’ostento.

Passano i giorni e di quel ragazzetto,
schiacciato e servo dell’altrui volere,
non resta che nostalgico ricordo;

un re sta, alquanto energico, un po’ sordo,
lanciato verso lotte di potere,
spera ritorni anche un gesto d’affetto.

Nomadi

Non siam che nomadi in cerca di casa,
anime in pena da sempre assetate,
senza una bussola, disorientate,
da nebbia questa via è talvolta invasa;

non si è mai monadi, d’ombre è pervasa
l’energia in piena, ma ben colorate,
non ci scombussolan cose scontate;
si debbia il cuor, è già tabula rasa.

E scivolan salate, per fatica,
le lacrime che lavano il dolore
e sciolgon vecchi nodi ormai più lievi;

e dolgon gli occhi, godi dei sollievi,
le acredini si levano e l’umore
sollevano. Lasciamo la via antica!



Mattino

Il tempo scorre e spesso non viviamo
la vita che vorremmo per timori
atavici; lasciam perdere amori
e quella fiamma ardente noi spengiamo.

Eppur quante occasioni spesso abbiamo
di smetter d’esser cani come attori
di liberarci di vecchi rancori
verso color che sovente invidiamo.

È l’alba e il cielo nero si schiarisce,
volatili bisbiglian suoni acuti
nel fresco ricreante del mattino.

Chiaror ch’invita a non star più supino
dinanzi a carcerieri che stan muti,
padron d’un mondo grigio ch’assopisce.

A Filippo

E giunge l’ora di mettersi in viaggio
per te, fratello, partenza improvvisa;
lasci una valle di lacrime intrisa
ma anche di rose che sbocciano a Maggio;

quanto ci lasci è un profondo messaggio
d’anima bella, irrequieta, precisa,
a cui mediocrità spesso era invisa,
che mai del conformismo cadde ostaggio.

Un uomo libero in volo nel cielo
forse sorride a chi resta qui, colto
da quest’addio ch’assomiglia a un inghippo;

e tutto è invece scontato e risolto
per chi leggero, solleva quel velo
che copre tutto. Buon viaggio, Filippo!

Incontri e Addii

Incontri e addii questo tempo che passa
scandiscono, e ritornano talvolta
ricordi che memoria avea sepolta
d’amici cui membranza mi rilassa.

Un’epoca d’un’alma ch’in matassa
di nodi costringeva ed era avvolta;
lo veggo con chiarezza, è ormai disciolta
e tutto quel dolore s’oltrepassa.

Ritornano fratelli di quell’era,
rinati, frastornati dalla vita
che a volte duri colpi sa ferire;

eppur bisogna starci nel patire,
perché la gran virtù venga carpita:
pazienza, dona forza, quella vera.

In Un Sogno

All’improvviso in un sogno l’apparve
e le sovvenne il ricordo remoto
di quell’amico vicino, devoto,
e come un tempo già tutto le parve.

La luce da quel corpo suo trasparve
e quanto proferito le fu ignoto,
ma quel suo sguardo vivo causò moto
nel cuore suo, finché egli non scomparve.

Le lacrime riempirono il suo volto,
di gioia e di dolore. Quell’istante
le parve quasi eterno, dando vita;

e un Dio lei ringraziò, per aver colto
quel dono del suo amico ormai distante,
di forte amor tremaron le sue dita.

Vecchi Dolori

A volte bruciano vecchi dolori,
s’avverton come fiamme dentro al petto
ricordi che tramutan ogni affetto
in nero, che soverchia altri colori;

bruciano meno e hanno nuovi sapori,
di tradimento e abbandono han l’aspetto,
ma restan lì, non mi chino al cospetto
e attendo si dissolvan, quei livori.

E la ferita diviene un passaggio,
stretto ed angusto, ma un passo in avanti
verso una luce ormai placida, calma;

e quel bruciare diviene un messaggio,
spengo i pensieri, è questione d’istanti
e troverai nuova pace, o mia alma!

Milano

Quanto mi manchi, mia vecchia Milano,
adesso sol fantasmi per le strade
bendati; o Piazza Duomo, non t’invade
lo scalpitare del consorzio umano.

Loreto, Buenos Aires, torno invano,
la Feltrinelli è vuota, il cuor mi cade;
giro in via Lincoln, di colpo, contrade
a un passo da San Babila, che strano!

S’arriva all’arco di Porta Romana,
mentre una fame crescente s’affaccia,
è tempo in vial Bligny d’un bel boccone;

ma solo d’asporto concedon razione,
su una panchina alfin ci s’accovaccia,
consuma l’unto pasto e torna in tana.

Carni Vive

Ormai assuefatti a questa condizione,
imbavagliati come prigionieri,
giammai disfatti, desti, da inazione,
un anno è andato eppure sembra ieri.

Attendiam matti una vaccinazione,
appesi a dati (quanto veritieri?)
paiamo ratti appesi a una razione,
ma il danno è fatto, restano i pensieri.

E tu da quanto aspetti di tornare
infine ad abbracciare i tuoi affetti,
a stringer carni vive, anche ad amare?

Di spine al cuore, amare, son gli effetti
e affranto ci rifletti, a quanto pare
il fine è di penare, che t’aspetti?

Rialzarmi

Son certi incontri ch’ uniscon destini
e come fiume che scorre fluisce
danza di man, si discorre e s’ambisce
a gettar ponti, a tornare bambini;

s’alzino i calici colmi di vini,
ché per il lume anche il buio perisce,
benché alle volte l’amor ci ferisce
e non fa sconti anche agli animi affini.

Si sa, si naviga spesso da soli,
ma benvenuti, compagni di viaggio,
s’anche per poco vogliate guidarmi

verso gli ambiti, remoti assai, moli,
ché sempre meno mi sento un ostaggio
e, pur cadendo, or so come rialzarmi.