Ancora Al Chiuso

Attesa, nella gravità ch’è assente
nel qui, bambagia grigia che, sospetta,
così, m’adagi, bigia, ma sei infetta;
ottusa, dell’oscurità servente.

Ripresa di speciosità, si mente
a chi, qui, indugia ligio, ma rifletta
al dì che già al prestigio s’erge eretta
la resa alla viltà, ad un espediente.

Chiudici a chiave, docente vigliacco!
Hai tra le mani dei nastri di seta,
intento, mozzi le gole a conigli,

unici schiavi, lo ostenti e dai scacco;
sia mai il domani, siam mostri di creta,
ordente, insozzi le suole ai tuoi figli!

Elica

Elica, ruota! Inondando di mille
fitti colori il giardino del mondo,
dentro di me, pur facendo scintille,
viaggio ed impavida guardo nel fondo.

Mi mostro altera, annoiata sovente,
dalle mie lotte talvolta spossata,
dal mio passato m’appronto al presente,
benché il dolor m’abbia un tempo straziata.

Classe e fierezza m’impongo allo specchio,
nobil riserbo ed un animo dolce,
vita consumo curiosa ed errante

e quella pianta in cuor mio rampicante,
soave, leggiadra, s’espande e contorce.
Elica, ruota! Voliamo oltre il vecchio!

Sebastiano

Frecce scagliate da gregge d’arcieri
viaggian veloci nell’aere irrompendo,
l’una ogne antico dilemma portando,
su quelle punte, dolori di ieri.

Vigile osserva, legato a quel legno,
fissa gli aculei violenti diretti
su tagli suoi purulenti ed infetti,
per libertà ora paga il suo pegno.

Fissa quei dardi, librando la mente,
ecco, l’estremità acute si stondan,
stanchi rallentan la corsa frenando.

Quieto permane l’incendio bruciando
su graffi suoi, mentre attese che mondan,
paran la via per il Lume splendente.

Astruso Sole

Colpi dal petto e calore in crescendo,
nella clausura costretto mi stringo,
solo, cattivo, il pennello m’intingo,
turbo la candida tela, scribendo.

D’esiti antichi non giunge memoria,
posteri atti secreto proietto,
prono in ginocchio d’un Divo al cospetto,
scaccia remota da me vanagloria.

Astruso Sole, vestuto da nembi,
candidi cieli sul grigio deserto,
compiono vici nudati di vita.

Resto quiescente in espera infinita,
d’esser minuto ed inerme ormai certo,
logoro afferro di vesti Tue i lembi.