Christian Jessen e la Festa della Repubblica

In molti me lo avete chiesto, ho letteralmente la posta e la chat intasata dalle vostre richieste insistenti. In realtà, non è assolutamente vero, non mi caga nessuno e sono sola e randagia come una cagna in calore. Tutto quello che scrivo sono mie iniziative personali e, qualora dovessero arrivarmi dei suggerimenti da parte vostra, farei finta di non conoscervi o peggio vi coprirei di insulti perché i vostri buoni consigli sono solo un modo per sentirvi indispensabili per qualcuno, necessari, importanti. In verità, siete esattamente nella mia stessa condizione, solo che non lo sapete. Nessuno vi ama, non vi ama vostra moglie, non vi ama vostro marito, non vi amano i vostri amanti, non vi amano i vostri figli, ma soprattutto, siete uguali ai vostri genitori, pur cercando di comportarvi facendo l’esatto contrario di quanto vi hanno inculcato, ma, mi duole dirvelo, non siete credibili. La ribellione è l’altra faccia dell’accondiscendenza.

Ma non divaghiamo, mi sembrava giusto fare questa introduzione per mettervi a vostro agio e farvi sentire a casa. Considero questo spazio alla stregua di un salotto buono, nel quale siete miei graditi ospiti ai quali amo servire pietanze forse talvolta un po’ amare, indigeste. In ogni caso, ci tenevo a riportare la seguente notizia: pare che Christian Jessen , il conduttore britannico che in una trasmissione aveva a suo tempo sostenuto che il Covid-19 fosse una scusa degli italiani per non lavorare, sia finito in bancarotta. Ricordo quanto le sue affermazioni avessero suscitato l’indignazione del nostro popolo, ferito nell’orgoglio in un momento tragico, a pandemia appena avvenuta, pandemia che tanto dolore e sofferenza ha causato alla nostra terra, mentre pugnace soleva battersi a suon di canti sui balconi, facendo fottere di paura il virus, il quale effettivamente ha tagliato subito la corda intimorito dalla nostra coesione e unità.

Ecco, con la presente intendo esprimere la mia più sentita e totale solidarietà al signore di cui sopra. C’è invero un unico motivo per cui si è scatenata tanta indignazione a seguito delle sue affermazioni sulla nostra pigrizia: aveva pienamente ragione. Siamo un popolo di viziati, pigri, grassoni, parassiti, ruffiani, servi, leccaculi, pavidi, incapaci di prendere una posizione chiara, lesti a saltare sul carro dei vincitori e a gettare fango sugli sconfitti, taccagni e risparmiatori patologici con modalità da anali-accumulatori, ammalati di familismo e spaventati da tutto ciò che è esterno al nostro nucleo familiare originario, incapaci di collaborare e pronti ad accoltellare alla schiena chiunque cerchi di pisciare nel nostro orticello.

Sia chiaro, sto parlando anche di me. In ogni caso, il mio nuovo amico Christian ha organizzato una raccolta fondi per poter ottenere sostegno a seguito dei suoi attuali problemi di salute ed economici. Nei commenti, troverete il link dove potrete generosamente donare quanto vi sentite per poter dare una mano a questo ragazzone un po’ discolaccio forse, ma senza meno un paladino della verità. Stai tranquillo Christian, ci penso io a difenderti, hai trovato una nuova amica.

Ah, dimenticavo. Con questa mia missiva ci tenevo anche ad augurarvi buona festa della Repubblica.