Fermo

Già strattonato da fulmini avversi,
qui ambulo, sull’or della vorago,
preambolo d’un cor che, giammai pago,
è avvelenato da uomini persi.

Eppur ne ho visti di cieli più tersi,
perspicui, non ne ho ricordo vago,
ma ambigua giunge a me una sorda imago,
oscura insiste su fieli sommersi.

Dunque m’arresto, sperando quïete,
pace deterga l’antichi veleni,
conduca salda prudenza e consiglio

e non traduca gaudenza in scompiglio.
Che luce emerga dai buchi, ripieni
d’acque, ben presto, spengendo la sete!

Restare

Siede spossata da tanti travagli,
e sùbito alla porta bussan lesti,
non dubita, son forti, indossan vesti
candide, issàti, sul manto due intagli.

Vetusti spettri ricorron, già noto,
l’accoglie e non sentenzia e l’occhi serra,
coi brogli lor non danza, pecca ed erra,
trambusti elettrici scorron nel vòto.

E’ sera e duole, tenace Signora,
ch’i pugni stringe e spenge il suo giudizio
e spera in un sollievo che ristora.

Intera suole, mordace divora,
di sogni spinge e cinge il precipizio,
restare, com’allievo nosce ancora.

Regina

Stipa l’attesa l’angoscia regina,
parvo pusillo fatale,
volgo lo sguardo sul vuoto totale,
del mondo esterno in sordina.

Voci lontane ed i sensi ridotti,
amori lungi bramati,
fermi cospetti remoti incantati,
sapori e tatto interrotti.

Cella che corpo protegge dal morbo,
spirito fiacca ed affligge,
pena divina dall’alto s’infligge,
colpo su colpo l’assorbo.

Musa che d’umbre di luci sussurra,
dolci primizie mi porge,
mentre un felino l’ispira s’accorge,
la volta torna già azzurra.

Resta l’attesa di speme, Regina,
fede nel soffio vitale,
volgo lo sguardo al domani, Vestale,
al mondo interno, Divina.