Paradiso

E giunge anche per lei questo momento,
di lasciar tutto e andar per altri mondi,
e tu nel tuo dolore intanto affondi,
un canto del tuo cuor ora s’è spento.

Di quella sua Lisbona resta vento
che soffia, mentre soffri e ti nascondi,
bestemmi quegli dei crudeli, immondi,
e piangi; il tempo scorre adesso lento.

Eppur sono ricordi d’altri tempi,
di giovani speranze, di legami,
sbiaditi e nebulosi, del suo viso;

e serbali con te, non farne scempi,
mia quercia, anche se perdi alcuni rami,
è solo per entrare in Paradiso.



Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...