Mattino

Il tempo scorre e spesso non viviamo
la vita che vorremmo per timori
atavici; lasciam perdere amori
e quella fiamma ardente noi spengiamo.

Eppur quante occasioni spesso abbiamo
di smetter d’esser cani come attori
di liberarci di vecchi rancori
verso color che sovente invidiamo.

È l’alba e il cielo nero si schiarisce,
volatili bisbiglian suoni acuti
nel fresco ricreante del mattino.

Chiaror ch’invita a non star più supino
dinanzi a carcerieri che stan muti,
padron d’un mondo grigio ch’assopisce.

2 pensieri riguardo “Mattino

  1. E’ giorno fatto, il sole alto nel cielo
    guarda di sotto il mondo ch’ora sveglio
    riavvolge la sua acredine nel telo
    della speranza a soffocar l’orgoglio.

    In questo sonettare parallelo
    sbuca nel ghiaccio un nuovo quadrifoglio
    Gli uccelli non aspettano il disgelo
    per volare compatti sul germoglio.

    E il tempo, come dici, corre via
    lasciando ad indugiare gl’indecisi
    spronando gli altri a nuova vigoria.

    Poi nuovi raggi, in mezzo ai fiordalisi,
    danno alla luce un tono d’allegria
    che induce il mondo a dispensar sorrisi.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...