Gattini Pucciosi

Ho richiesto a quei pochi che seguono la mia pagina Facebook, dei suggerimenti su come potenziarla, su come incrementare il peso dei seguaci, rendendola un po’ più “curvy”, come piace dire a voi amanti del politicamente corretto. In taluni frangenti, ho la sensazione che la pagina Facebook viva di vita propria rispetto al blog e al recente profilo Instagram, a guisa di uno spin-off, una sorta di società satellite che, come tale, prima o poi farà la fine che si merita: fallimento e chiusura. Sappiate che se dovesse andare così, se pagina e blog dovessero ricevere il meritato destino della censura, non vi saranno repliche. Non esistono pagine di riserva, tutti i contenuti andranno perduti per sempre. Questo treno passerà una volta sola. Lascerò tutto per tornare a essere uomo e donna semplice, per tornare alle mie occupazioni quotidiane, seguendo l’esempio di tanti politici che, se non ricordo male, hanno sempre fatto fede all’impegno di lasciare la politica una volta ottenuto o mancato un determinato obiettivo. Farò altrettanto.

In ogni caso, non accoglierò nessuno dei suggerimenti ricevuti, per una ragione fondamentale: sono uno stronzo di prima categoria e generalmente vedo i consigli come fumo negli occhi, esclusi quelli di chi mi legge ovviamente (come no…). Parlo in generale, ma nessuno di voi ha mai fatto caso che spesso i buoni e miti consigli giungono da gente che in realtà si trova immersa nella cacca fino al collo? Vedo padri morti dentro, cinquantenni a cui manca da tempo il guizzo, privi di slancio, d’inventiva, di qualsivoglia progettualità, lamentarsi del fatto che i loro figli sono poco ambiziosi. Vedo madri finite in matrimoni orribili, con mariti noiosi e passivo-aggressivi, consigliare a figlie e nipoti di sposarsi e di mettere su famiglia. Vedo uomini e donne fedifraghe che ti augurano di innamorarti e di trovare la persona giusta, come è successo tra loro e rispettivi mogli e mariti.

Vedo tutto questo e non giungo a nessuna conclusione, è solo un flusso di coscienza il mio. In un modo o nell’altro, premio il pragmatismo di un utente, il quale mi consiglia di riempire la pagina Facebook di gattini. Mi sembra una buona idea, quella di incrementare il coefficiente di pucciosità di questo orribile blog. Di tanto in tanto, un grazioso felino si alternerà alle mie inutilissime e coglionissime geremiadi, giusto per stemperare gli animi e dare una spolveratina di sentimentalismo a questo mondo un po’ monello, per farvi sognare, per riempirvi i cuori per un istante.

Per sentirci come gli altri. Alla stregua di fratelli e fratellesse.

Miao ❤

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...