Brezza

E navighiamo in questo mare aperto,
le onde ormai son complici fidate,
non ci aspettiamo alcun remare certo.

Le sponde già alle spalle son lasciate
e respiriamo il navigare esperto,
le stelle effondono luci velate.

E giunge sera col cuore in pienezza,
non punge fiera, il dolore è una brezza.

Ambita Luce

Quanta fatica traversar quel bosco
irto d’arbusti spinosi e sterpaglie
che laceran le sure e nelle maglie
d’infante prigioniero resti fosco.

Paludi ancor t’invischiano e conosco
orchi e trambusti onerosi e battaglie;
ch’affiorin quasi impure le avvisaglie
e intanto ne vai fiero, quasi losco.

Eppur l’ambita luce in lontananza
emerge fioca, ma pregna di speme,
di fede nel presente e nell’attesa;

non prede degli eventi, è già ripresa,
deterge e invoca, ora degna, e si freme.
Ancor vita conduce, ormai s’avanza!

Cambi di Casacca

Leggo quest’oggi, con la solita punta di masochismo che talvolta mi contraddistingue, l’irritante “Caffè” di Maximum Gramellina, il lanuginoso editorialista clitorideo dal cuore di panna del Corriere, mentre si scaglia con il suo velato e prudente umorismo da quattro soldi contro il solito bersaglio tutto sommato debole, con lo scopo di campare sereno e di non avere fastidi. In questo caso, l’oggetto della sua “satira” è il senatore Vitali, reo, dal punto di vista di Gramellina, di aver sostenuto in un primo momento l’appoggio a un eventuale governo Conte ter, per poi ritirarlo a seguito di un colloquio telefonico con Salvini e Berlusconi, che in qualche modo lo hanno riportato a più miti consigli, facendo leva forse anche su un legame affettivo che il Vitali nutre per il partito presso cui ha sempre militato. Ci può stare, è umano, accade nel mondo del lavoro, accade anche nel mondo della politica, sovente dipinto come una sorta d’inferno i cui rappresentanti sono il più delle volte etichettati alla stregua di demoni subdoli e privi di scrupoli.

Purtroppo, è un refrain alquanto noto quello di scagliarsi contro i cambi di casacca, contro i cosiddetti “voltagabbana”, ma in linea di massima mi sento di ricordare ai giornalisti bacchettoni e noleggiatori di opinioni, per dirla con Kierkegaard, sempre pronti a contare il pelo nel culo dei politici e a frugare nelle loro mutande, non facendo il minimo caso alla trave nel loro oculo, che tutto questo è consentito dall’articolo 67 della Costituzione Italiana, che non prevede alcun vincolo di mandato per i parlamentari. Si chiama democrazia ed è quello che avevano in mente i nostri padri costituenti quando hanno redatto la nostra carta, uomini senza meno con più midollo, con più spina dorsale e con più uccello di Gramellina. Un deputato e un senatore, in base alla nostra legge fondamentale, può fare il cazzo che vuole, con buona pace di Massimino, ma volendo anche di Travaglio e di Scanzi.

Ecco perché vorrei che questo blog si tramutasse in una sorta di lido, un’isola che accolga a braccia aperte tutti gli uomini e le donne libere che, negli anni, sono stati infangati dalle penne affilate e rancorose di certo giornalismo. Oserei proferire che, al contrario di quanto affermato dai media mainstream, i veri statisti e attuatori della nostra Costituzione sono i vari Mastella e consorte, De Gregorio, Scillipoti, Razzi, lo stesso Vitali, veri uomini di Stato che hanno agito sempre con responsabilità e senso delle istituzioni, coerenti con i loro valori e perseguendo la rettitudine morale e la virtù che si confaceva a De Gasperi, De Nicola, Pertini, Saragat.

Non abbiate paura, amici voltagabbana, ci sono qui io a difendervi. Lotterò sempre al vostro fianco. Cambiare casacca non fa di voi dei traditori, altresì degli uomini liberi, dei raffinati negoziatori, un esempio per noi cittadini e un simbolo di democrazia.

Consultazioni e Prima Repubblica

Iniziano le consultazioni, alla ricerca di una nuova maggioranza, una consuetudine del nostro sistema parlamentare, sovente considerato lento e inefficiente. Non so voi, ma è da un po’ di tempo a questa parte che non si sente più parlare di questa impellente e ossessiva necessità di fare “le riforme”, di garantire la stabilità di governo, un tormentone cominciato dai tempi di Bettino Craxi che ha ripreso forza con la discesa in campo di Berlusconi e su cui parecchio ha insistito il Presidente Emerito della Repubblica Giorgio Napolitano, specialmente negli ultimi anni del suo mandato. A mio modesto avviso, questa spinta riformatrice, questo voler rendere a tutti i costi i processi decisionali più snelli con l’obiettivo presunto di rendere la macchina dello Stato più efficiente ha avuto come esito principale l’emergere di leader di partito megalomani e affetti da profondi deliri di onnipotenza, i quali sgomitano, assetati di fama, di potere e di gloria, con lo scopo di poter lasciare un segno e passare alla storia come novelli Charles De Gaulle, tra coloro che hanno finalmente cambiato l’Italia modernizzandola.

Penso a questi colossi dai piedi d’argilla, ai loro ego ipertrofici, alla loro dipendenza patologica dal consenso, alla mancata rivoluzione liberale di Berlusconi, alla “Buona Scuola” e all’orrenda riforma costituzionale (fortunatamente bocciata) di Matteo Renzi, allo shock fiscale e ai confini chiusi di Salvini, in quest’ultimo punto del programma superato di gran lunga dal Covid-19 e mi sovviene un dialogo tra Alcibiade e Socrate, nel quale il filosofo ammonisce il politico ateniese dicendo: “Questo io temo più di tutto: che tu, diventato l’amante del popolo, vada in rovina”. Ci troviamo circa tra il 450 a.C. e il 400 a.C. e questo conferma il fatto che siamo da millenni una manica di pecoroni senza spirito critico, che si fanno intortare dal primo pifferaio arruffapopoli con un’autostima di cartapesta e a caccia di consenso.

Va benissimo così, l’umanità, e di conseguenza la società, è nevrotica e funziona così da sempre, nessun rancore, nessun astio verso il genere umano, amo profondamente le persone, ma ho una grande nostalgia per la vecchia Democrazia Cristiana, per il centro, un centro che trasudava fermezza e staticità, quei meravigliosi tempi della democrazia “bloccata”. In fin dei conti, lo sapete meglio di me: questo paese non ha bisogno di nessuna riforma delle istituzioni. La politica è arte, arte del dialogo, arte oratoria, arte del compromesso, ma, soprattutto, profondo pragmatismo e la Prima Repubblica è stata un vero capolavoro da questo punto di vista. Non avevamo tifoserie del cazzo, gente che considera il partito per cui vota alla stregua della squadra del cuore. Avevamo i soliti vecchi volponi, inchiodati perennemente alle loro poltrone, ma dei quali rimpiangiamo il senso di grigia sicurezza che erano in grado di trasmettere. Erano un’autentica certezza e al massimo ci si lamentava per l’aumento delle tasse.

Va bene, siamo d’accordo, molti di voi contesteranno il fatto che dal 1946 al 1994 abbiamo avuto una cinquantina di governi, abbiamo avuto Tangentopoli, condivido. Ma sapete cosa vi dico? Chi se ne fotte. Mi sento di proferire che l’unica riforma auspicabile per tornare a far splendere il nostro glorioso paese sia quella di triplicare il numero di deputati e senatori, aggiungere una terza assemblea legislativa oltre alla Camera dei Deputati e al Senato della Repubblica, inserire un ulteriore organo di controllo per l’approvazione delle leggi dopo la Corte Costituzionale e modificare una volta per tutte il sistema elettorale in senso proporzionale e senza alcuna soglia di sbarramento tramite legge costituzionale, da inserire come secondo comma dell’articolo 139 per cui non sarebbe più oggetto di revisione assieme alla forma repubblicana. Sarà bellissimo avere un Parlamento con una ventina di partiti al suo interno, con maggioranze completamente differenti tra Camera, Senato e terza assemblea e attendere mesi, forse anni, prima della formazione di un governo che durerà al massimo un mese, con un Presidente del Consiglio proposto unicamente dal Parlamento e nominato dal Presidente della Repubblica.

Date retta a una vecchia rotta in culo come me: siamo troppo pigri per cambiare le cose. Inaspriamo il parlamentarismo e le burocrazie, non cambiamo niente e, soprattutto, smettiamola di interessarci e di parlare di politica come se stessimo parlando di calcio. Siamo patetici, nel nostro fanatismo da quattro soldi e, soprattutto, l’unico sistema bipolare lo vedo nel funzionamento dei vostri cervelli del cazzo, cari millenials.

Viva la Prima Repubblica, viva la Democrazia Cristiana!

Riposa

E placido ormai il fiume dolce scorre,
quei monti si tramutano in colline
e tiepido già un lume lo percorre;

son fonti che ti mutano, divine,
tu, livido di schiume e di zavorre,
le affronti, e che trasmutino il tuo fine!

Riposa adesso, ormai di quella corsa
spesso affannosa rifuggi la morsa.

Sibilo

Un sibilo sottile ed insistente
ritorna a disturbar con discrezione,
sornione l’ombra d’una direzione
sussurra al me deluso, ancora assente;

eppur si ripresenta, impenitente,
è un Dio che non s’arrende, dannazione,
un Dio che non perdona l’inazione,
ch’invita a un altro viaggio, a luci spente!

Oracolo, per dove questa volta?
Per dove debbo volgere il mio sguardo,
ancora in mare aperto, a quali lidi?

La meta tanto ambita ch’intravidi
la lascio governare al Re Vegliardo,
amico, non più ostacolo. Ora ascolta!



Amore Borderline

Finalmente avete trovato il partner giusto, l’anima gemella, o voi millenials, o voi generazione fiocchi di neve, eterni adolescenti così complessi come dite di essere, così tormentati, travagliati, difficili, incapaci di trovare una collocazione in questo pazzo mondo etichettante, ma al contempo liquido e in divenire, eternamente incompresi, con il vostro passato colmo di dolore usato come bandiera, come vezzo, con la vostra sensibilità considerata dono prezioso e raro, capaci come siete di sentire il doppio e in anticipo, di sentire la pioggia prima ancora che vi cada addosso e di sentire le urla di chi piange in silenzio, quando in verità avete semplicemente dimenticato di prendere i vostri antidepressivi del cazzo. Tutto fluisce, c’è affinità a letto, c’è affinità intellettiva, vi sentite reciprocamente a vostro agio. Avete finalmente l’occasione di poter sedurre l’altro con i vostri tormenti, con la vostra psiche malconcia, con l’amore non ricevuto dai vostri genitori, usando la vostra presunta depressione da quattro soldi come arma per sentirvi un po’ maledetti, un po’ speciali, nella speranza che in fin dei conti questa nuova storia, questo nuovo flirt vi possa guarire finalmente dal dolore e farvi felici per sempre.

All’inizio le cose procederanno bene, vi troverete in un autentico incantesimo, in una simbiosi perfetta, due spiriti affini zoppicanti che si prendono per mano e si mettono in cammino verso l’oscurità in un incastro nevrotico, due pezzi di un puzzle raffigurante un cimitero, finché dopo poco tempo, qualcosa comincerà a scricchiolare e, improvvisamente, percepirete un lieve crampo allo stomaco: il vostro partner sta cominciando a rimescolare le carte, a seminare dubbi sul rapporto, a lasciare le cose in sospeso, a omettere, con lo scopo di mettere costantemente alla prova il vostro interesse nei suoi riguardi e tenervi eternamente inchiodati a lui, fino a logorarvi e a esaurirvi. Bene, quel crampo allo stomaco è il segnale: datevela a gambe e non guardatevi indietro, neppure per recuperare le valigie. In caso contrario, finirete in una ragnatela di manipolazioni, menzogne, giochi di potere, alternanza di seduzione e ripensamenti dell’ultimo secondo, alternanza di amore e freddezza glaciale. Siete diventati per l’altro al contempo indispensabili e una palla al piede, sarete alternativamente trattati con profondo amore e bersagliati dall’odio più cieco nei vostri riguardi, in quest’ultimo caso perché siete diventati degli stronzi incapaci di comprendere il suo dolore. Ai suoi occhi, siete diventati come sua madre, siete diventati come suo padre.

La verità è che siamo patologicamente affezionati al nostro dolore e alle nostre nevrosi e, salvo rarissime eccezioni, non molleremo tutto ciò neppure morti. La nostra ridicola infelicità ci serve per darci un’identità, riempirci le giornate e darne un senso deviato. Amiamo fare le vittime e basare i nostri rapporti sul tenere legato l’altro a noi unicamente tramite il senso di colpa, nella speranza che si faccia carico del nostro malessere, in un legame che assomiglia più a quello tra un nematode e un intestino che a quello tra due esseri umani.

Grazie a Dio, le storie d’amore non sono tutte così, esistono rari casi di persone mature e abbastanza risolte, ma ascoltate un vecchio rotto in culo sulla soglia dei sessant’anni come il sottoscritto: imparate a convivere con i vostri fantasmi, evitate di sbatterli in faccia a chi vi circonda come arma di seduzione e, soprattutto, state alla larga da qualsiasi infelice e succhiavita emotivo, per quanto costui possa affascinarvi con il suo essere tormentato e maledetto.

Se non disporrete della fibra necessaria, quest’ultimo sarà più forte di voi, nella sua fragilità.

Ne uscirete a pezzi.

Sconfitte

Siamo in pieno positivismo, abbiamo ormai una totale e cieca fiducia nel progresso e nella scienza, ogni scoperta scientifica ci fa sentire degli dei, autentici padroni del mondo, mentre un eventuale vero creatore, qualora ci fosse, con buona probabilità si fa grasse risate alle nostre spalle, ci osserva singolarmente e ride, ride di gusto, istericamente, ride della banalità delle nostre scoperte e delle nostre vite, narrate come straordinarie, ma in verità assai mediocri, sapendo che, dal suo punto di vista, abbiamo i secondi contati. Siamo solo fastidiose mosche di passaggio, ci posiamo sulla merda senza odore dei soldi e del potere, con lo scopo di dare un senso deviato alle nostre insignificanti esistenze, alla stregua di tenui scoregge emesse nell’infinità spazio-temporale dell’universo. Ci prefiggiamo mete, siamo ambiziosi, vogliamo essere ricordati, nel bene o nel male, vogliamo lasciare un segno, ricerchiamo compulsivamente un pubblico che ci ammiri, partner e amici che ci adorino, anziché amarci e volerci bene e sgomitiamo ossessivamente, malati come siamo di un narcisismo amplificato dalle reti sociali e dalla scomparsa dei padri, reali o simbolici che siano, ma comunque in grado di mettere dei sani limiti. Siamo divenuti totalmente incapaci di ammettere la sconfitta, di fare un passo di lato, contraddistinti da una tenacia che ai più può apparire come audacia, coraggio, caparbietà, ma invero ci rende semplicemente dei pericolosi psicopatici. Mi rivolgo ai più giovani di voi, nello specifico a voi adolescenti di quarant’anni, che vi sentite così indispensabili, così dinamici, incapaci di conoscere la vergogna, convinti che si possa rimpiazzare l’esperienza con una ricerca su Google. Penso a voi rampolli, penso a te, Ilario, al tuo volto inespressivo, alla tua ipocrisia e gentilezza che trasuda odio, rancore, desiderio di rivalsa, dolore, al tuo caschetto nazista del cazzo, ai tuoi sguardi omicidi, alla tua incapacità di ricevere un no come risposta, alle tue ascelle che sanno di cipolla, penso al me stesso di vent’anni fa, che considerava gli adulti come un ostacolo, penso alle urla cariche di rabbia verso quei presunti oppressori, in verità vittime del mio malessere e destabilizzati dai miei comportamenti fuori luogo. Penso ad Andrea Scanzi, fatto al novantasette percento di pene, alla sua sindrome da Peter Pan che occulta in realtà una profonda paura di morire, di non esistere più, di invecchiare. Penso a Lorenzotosa, a Delprete, a Mattia Santori, a Renzi, a Salvini, penso a costoro per non guardare ai miei difetti, penso a chiunque usi questa piattaforma per imporre la propria visione, alle guerre tra poveracci che si scatenano per una lieve divergenza di opinioni, alla presunzione di voler cambiare il mondo sapendo che ci penserà la natura a spazzarci via con un leggero soffio, a imporre un ricambio d’aria, da cui emergerà la stessa, o forse una differente società, ma comunque disturbata e nevrotica.

Rileggo al solito minuziosamente quanto scritto, sentendomi per la prima volta davvero sereno. Non vi è alcun astio nelle mie parole, ma un senso di compiutezza mi pervade, c’è davvero qualcosa di dolce nel perdere qualche battaglia, nel fallire, nel prendere atto della propria insignificanza, nel fare schifo.

Forse è questa la strada per la felicità, essere lungimiranti, avere una visione di lungo periodo, iniziare a pianificare con largo anticipo un’inevitabile uscita di scena e gioire se qualcuno ti cercherà con sincera attenzione nei tuoi riguardi, con affetto, con amore.

In sintesi, farsi, cristianamente ed evangelicamente, merda.

Ehi, Dino, figlio di puttana, questo post non fa ridere! Facci divertire, brutto stronzo!

Stasera no. 🙂❤

Scorrere

Il dì già volge al termine e rifletti
sull’armi ch’hai deposto, a quanta pace
fluisce come un fiume e siedi e aspetti,

all’ira nel tuo sangue, come antrace,
ch’antidoto di lacrime salate
assorbe, ché ad amor tutto soggiace.

E il fiume prende a scorrere, lavate
le colpe percepite, i nostri errori
che l’alme ancora splendan illibate,
sul palco della vita, nuovi attori!

Molise

Ho viaggiato parecchio nella mia vita, ora che ci penso, sono stato nelle principali capitali europee ho perlustrato con maniacale puntiglio persino angoli remoti del Belpaese, sgambettando tra svariate regioni d’Italia.

Meraviglioso tutto questo, ma è possibile che in tutta la mia lunga vita non abbia mai incontrato, neppure per sbaglio, un molisano? C’è qualcuno del Molise su questo inutile blog? Voglio capire come siete fatti, la vostra fisionomia, i vostri tratti somatici, il colore della vostra pelle, il vostro accento, la vostra lingua, i vostri usi e costumi, le vostre antiche tradizioni, non ho idea di che razza di individui siate!

Fatevi avanti, non siate timidi, abitanti di questa minuscola e timida regione italica, sarò vostra amica, sarò dolce con voi.