Tu Voli

Crassa caligine, densa qui accorre,
cinerea lungo il labbro dello iato;
spesse fuliggini, intense zavorre
fulminee, giungi ebbro di peccato.

Fallaci colpe, puerizia ricorre,
trascendi e conti il tempo ormai arrivato;
mendaci volpi, tristizia ad esporre,
soffrendo spunti, lento, mai avventato.

Dall’agro qui in pianura ammiri i colli,
sui qual permangon, minuti e più soli,
Titani antichi, eroici ed immortali,

e, magro per l’abiura, aggiri folli
villani e ricchi, all’indice, banali,
di mal non tangon, canuti. Tu voli.

2 pensieri riguardo “Tu Voli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...