Destino

Mescendo l’acqua infocàron,
candidi neri ‘scillanti,
demoni e dei ormai danzanti,
la vita piena donàron.

Da luci ed ombre nutrito,
dall’albeggiar all’occaso,
vocan suo nome, per caso?
Giunse l’appello al convito.

Grida, di gaudio e di lutto,
l’udito ben osservante,
l’iride attenta ed udente,
vide la via verso il tutto.

Il cor espanso l’invita,
ad una quieta tempesta,
ad una pace di festa,
disse:”Che viva la Vita!”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...