Un addio

Seduto in poltrona,
ti fan ben sperare:
“Bisogna sedare,
su! Mal non cagiona!”.

Deliziano bene,
ti illudono, rìdon,
“Rilassa!”, ti dìcon,
“Non porterà pene!”.

Poi aprono e scrùtan,
iniettano e attèndon,
pazienza non pèrdon,
oh, quanto mi ùrtan!

Ed eccoli entrati,
con l’aria e col ferro,
le palpebre serro,
rumori vetrati.

Ed eccolo via,
le cremisi gambe,
che danzano sambe,
non più cosa mia.

Su un pezzo di cuore
sì candida tuona,
la bella corona.
Addio, vostro onore!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...